• Koinè Journal

Giorgetta alla Pippo Franco: peccato che non faccia ridere

Updated: May 17


di Luca Simone


Non sono mai stato un grande fan del Bagaglino, anzi probabilmente avrebbero dovuto praticarmi un trattamento stile “cura Ludovico” per farmi vedere una puntata. Comicità stantia, seni, Pamela Prati, Pippo Franco, devo continuare? Però a qualcuno doveva pur piacere per mandarlo in onda in prima serata, beh molto probabilmente incollata alla TV con frittatona di cipolle e birrone ghiacciato di fantozziana memoria c’era lei, la madama della destra italiana (e non), Giorgetta Meloni. Dico questo perché nella sua personalissima versione “almirantiana” del 1 maggio, ha sfoderato una performance degna proprio del Bagaglino. In un monologo che Daniele Luttazzi scansati, ha raccontato un episodio in cui un giornalista avrebbe chiesto ad un suo non meglio specificato candidato se “la maglietta nera che indossava era un richiamo alla camicia nera”. “Lunari!” (che poi cosa significherà lunari non l’ho mica capito, nella mia ignoranza io ero rimasto a “lunatici” come aggettivo dispregiativo), “fossi in voi mi vergognerei”, “Sognate una destra sfigata e cupa, invece siamo una destra vincente e rispettata!”. Allora, che la Destra italiana fosse proprio tutto meno che cupa, ne avevamo forse avuto il sentore quando ci hanno raccontato cosa faceva l’immortale Cavaliere nelle sue ville con fior fior di pulzelle, o quando Umbertone Bossi arringava le folle al grido “LA LEGA CE L’HA DURO”. Casomai era proprio la sinistra ad essere dipinta come cupa, grigia, seriosa. Quindi cara Giorgia io onestamente non ho capito bene dove volessi andare a parare, o meglio l’ho capito e sinceramente mi fa abbastanza pensare.


Andiamo con ordine però e mettiamo in sequenza i fatti. Il 1 maggio 2022, giornata internazionale dei lavoratori, la leader di FDI Giorgia Meloni, mente del partito erede del MSI a sua volta erede dichiarato del Partito Nazionale Fascista, convinta seguace di Giorgio Almirante, un simpatico signore condannato nel 1947 per aver collaborato con i nazisti, ha messo in scena come prima accennato, uno show con il chiaro intento di “simpatizzare” la sua figura, ridicolizzando chi muove legittime critiche o accuse. Ricordo poi che recentemente il Partito è stato travolto dalle inchieste di Fanpage che, se ancora ce ne fosse bisogno fanno emergere il fortissimo substrato neofascista presente in alcuni segmenti dell’elettorato e non. Giorgia poi non festeggia il 25 aprile, e chiede che si istituisca come festa nazionale il 4 novembre, giornata che celebrerebbe la vittoria italiana nella Grande Guerra. Ora, detto ciò, cara Giorgia, mi sembra un pochino ipocrita il giochino che è stato fatto da quel palco, mentre la folla adorante ti batteva le mani. Davvero ti chiedi come mai la gente, i giornalisti, si chiedano che rapporti hai con il passato fascista del tuo partito? Davvero non ti viene in mente che probabilmente è perché non c’è mai una parola contro le mele marce che infestano FDI, tra saluti romani e cameratismo di bassa lega? Davvero ti indigni se qualcuno osa chiederti, On. Meloni, ma se dovesse essere eletta a capo del governo italiano, come si comporterà in occasione del 25 aprile, e cosa farà con tutti i membri del suo partito che sfruttano il parlamentarismo per ottenere una poltrona ma sono fieramente fascisti, come il Barone Jonghi Lavarini o Fidanza?


Giorgia a queste cose non risponde. Giorgia dopo la pubblicazione dell’inchiesta di Fanpage ha chiesto l’intero girato per vederci chiaro (facci sapere a 6 mesi di distanza cosa hai trovato di sensazionale!). Giorgia alle celebrazioni di qualche giorno fa in ricordo di Sergio Ramelli ci è andata con Chiara Valcepina. Giorgia su Almirante ha sempre e solo utilizzato parole di stima e ammirazione. Giorgia dice che chi parla di fascismo è “vecchio” e teme semplicemente l’ascesa del suo partito. Quindi Giorgia non ho capito, ma sicuramente è perché sono limitato, le domande nella tua Repubblica Italiana basata sulla Famiglia e Giorgio Almirante, sono contemplate?


Chiedo perché forse ho cambiato idea, forse ora il Bagaglino mi piace, e vorrei ancora vederti in cosplay da Pippo Franco. Ciao Giorgia, un abbraccio, e buon 2 novembre. Ah no forse era 4, vabe fa’ lo stesso.

Si scherza, ma non troppo.




Image Copyright: Fanpage.it

148 views1 comment

Recent Posts

See All